Smaltimento rifiuti organici: come avviene

Ogni giorno, produciamo circa 1.5 kg di rifiuti organici ed inorganici. Quando sentiamo parlare di rifiuti organici, si intendono tutti quei rifiuti che hanno origine o derivano da animali o vegetali, per esempio gli scarti alimentari di ogni tipo, foglie secche, terra, erba, escrementi di animali e ogni cosa che appartiene a questo tipo di categoria; mentre i rifiuti inorganici sono quei classici materiali con cui spesso veniamo a contatto come per esempio la plastica, il vetro, il metallo, il ferro eccetera.

 

Cos’è il compost

 

I rifiuti organici, possono rappresentare la parte riciclabile più fondamentale di una raccolta differenziata, in quanto un rifiuto organico può dare molti problemi non solo nelle discariche, ma anche nel resto dei trattamenti, sia per i cattivi odori che emanano questo genere di rifiuti, sia per la loro decomposizione e altri motivi.

 

Le statistiche ci rivelano che più del 25% dei rifiuti che produciamo nelle nostre case, è di tipo organico. I rifiuti organici possono essere una risorsa molto importante, quindi perché sprecarla quando possiamo riutilizzarla?

 

Il miglior modo per smaltire dei rifiuti organici infatti, attraverso la raccolta differenziata, è quello di trasformare questi rifiuti in una sostanza che può essere davvero molto utile, tramite un processo chiamato compostaggio. Essi vengono trattati con un processo aerobico dove verranno trasformati in compost dai batteri presenti in natura.

 

Come ognuno di noi sa però, in natura, i processi di trasformazione devono seguire i tempi e i modi del ciclo naturale. Il compost sarà successivamente utilizzato come fertilizzante nel settore agricolo, facendo sì che si riduca l’utilizzo dei fertilizzanti chimici che impoveriscono i terreni.

 

Lo smaltimento dei rifiuti organici

 

Lo smaltimento dei rifiuti organici, viene effettuato dalle aziende che si occupano dello smaltimento rifiuti Roma, ed è possibile grazie agli appositi cassonetti per rifiuti situati lungo le strade della città. E’ di fondamentale importanza che ognuno di noi si assuma le responsabilità di ciò che getta all’interno del contenitore organico, in quanto si possono creare dei problemi se ciò che gettiamo non è un rifiuto organico.
Generalmente i rifiuti che vengono gettati nel contenitore organico sono: avanzi di cibi vari, frutta secca, uova, pasta, lettiere, fazzoletti sporchi, cenere, stuzzicadenti e molti altri ancora.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *