Quando sostituire l’atomizzatore nella sigaretta elettronica

L’atomizzatore è probabilmente la parte più importante delle sigarette elettroniche, poiché è il componente che produce il vapore. Semplicemente utilizzando un atomizzatore diverso, è possibile ottimizzare la configurazione del vaping per ottenere nubi di vapore più grandi, un sapore più ricco e per migliorare la conservazione dei liquidi. Gli atomizzatori non durano per sempre però, infatti, esso può  durare da pochi giorni a diverse settimane, dopo di che è necessario sostituirlo per proseguire ad avere la migliore esperienza svapo possibile. Gli Atomizzatori possono sembrare un pò costosi, anche se come detto in precedenza possono aiutare a risparmiare sul consumo di liquidi. Però, se si costruiscono le proprie bobine per atomizzatore, si riesce a trovare le materie prime a buon mercato, anche se il costo della costruzione di un atomizzatore fai da te dovrebbe comprendere anche il tempo impiegato per crearlo e se si aggiunge questo costo non vale più la pena crearlo invece di comprarlo. In questa guida, vi aiuteremo a capire quando è il momento di sostituire il vostro atomizzatore imparando a riconoscere i segni comuni che fanno presagire la morte di un atomizzatore.

 

Gli atomizzatori per e-cigarettes ci abbandonano lentamente

Nella maggior parte dei casi, un atomizzatore per sigarette elettroniche si esaurisce gradualmente prima di aver bisogno della completa sostituzione. I segni visibili sono ad esempio che la batteria non funziona come una volta, causando rumori, diversità nei sapori, la produzione di vapore sembra più povera. A causa del fatto che un atomizzatore esaurisce la propria efficacia lentamente, difficilmente si nota che l’e-cigarette ha un problema, si può anche confondere questi sintomi con una bassa qualità della sigaretta elettronica o dei liquidi acquistati per svapare.

Perdite di liquido

Durante una svapata, si potrebbe notare che dalla sigaretta elettronica fuoriesca del liquido anche soltanto dopo aver aggiunto poche gocce.. Si potrebbe cercare di risolvere questo problema soffiando sull’atomizzatore più volte, ma il problema comunque persisterebbe. Questo è un segno che il vostro atomizzatore non scalda velocemente il liquido come dovrebbe essere in condizioni di massima efficienza, e questa lentezza nel riscaldamento apre un autostrada ai liquidi verso la bocca.

Scarsa produzione di vapore

Anche se si utilizza quotidianamente una sigaretta elettronica, spesso non si riesce a notare che il vapore emanato ad ogni svapata tende a diminuire giorno dopo giorno. Spesso si nota questa cosa solo perchè la svapata non sembra più soddisfacente e di conseguenza si tende a credere che la batteria sia scarica mentre in realtà è l’atomizzatore che sta esaurendo tutta la sua efficacia e di conseguenza andrà presto sostituito.

Articolo informativo scritto gratuitamente per gli utenti di Giornale Caffè dallo staff di Must500 grossista italiano n°1 di atomizzatori per sigarette elettroniche

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *