Inverter ed economizzatori: scopri come ottimizzare l’efficienza energetica

Fin dalla scoperta dell’energia elettrica, e della relativa produzione, ci si è posto il problema dell’ottimizzazione dei consumi.

Infatti, chi di noi non è mai rimasto sorpreso, all’arrivo della bolletta, dal prezzo troppo alto? E successivamente, chi di noi non ha mai pensato ai possibili modi (anche creativi) per cercare di risparmiare sui costi?

Negli anni, svariati metodi per aumentare l’efficienza energetica sono stati ideati, e con il progredire della tecnologia, i dispositivi necessari sono diventati sempre più compatti, e il rendimento, di pari passo, è salito.

Al giorno d’oggi, nel particolare, due tipi di dispositivi, gli inverter, e gli economizzatori, fanno da padroni al settore, garantendo massima efficienza e ingombri minimi.

L’inverter, dispositivo che esercita la sua funzione sui motori, rappresenta il primo passo verso l’ottimizzazione energetica.

Questo dispositivo, infatti, agisce sulla frequenza di alimentazione del motore, regolandone la velocità.

In parole povere, l’inverter permette a un motore di autoregolare la propria velocità (quindi l’energia richiesta) in base alle esigenze di carico.

I vantaggi sono immediatamente riconoscibili, poiché un motore senza inverter lavora sempre al massimo della sua potenza, aumentando i consumi in maniera netta; all’opposto, un motore con inverter, lavorando in base alle necessità, riduce i consumi in maniera altrettanto netta.

Passiamo quindi all’economizzatore.

Gli economizzatori trovano largo impiego in svariati settori, e di conseguenza, su diversi tipi di dispositivi.

Esso è uno scambiatore di calore, quindi è in grado, tramite il suo calore, di trasmettere a una fonte diversa il calore; facciamo degli esempi pratici.

Prendiamo in considerazione una caldaia; essa ha bisogno di calore per riscaldare l’acqua, e questo calore viene generato sia elettricamente, sia tramite un combustibile (gas, metano, ecc.). Se montiamo un economizzatore sul condotto dei fumi della caldaia, questo sarà in grado di recuperare i fumi della caldaia e di produrre calore, che in seguito verrà impiegato per riscaldare l’acqua.

Allo stesso modo, l’economizzatore può essere montato su ogni dispositivo che genera calore, permettendo un evidente risparmio sui consumi.

Pertanto, se stai cercando di ottimizzare l’efficienza energetica del tuo impianto, inverter ed economizzatori sono ciò che stai cercando!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *